Hip Hip Ninà

Hip Hip Ninà, oltre ad essere il ritornello con il quale incito all'esultanza la mia cagnetta, è un invito.
L'invito a coltivare la determinazione ad appassionarsi e stupirsi, nonostante tutto.

Being the jingle I use to incite my little dog to play, Hip Hip Ninà is an invitation. The invitation to keep on being fascinated and amazed, no matter what happened to us before.

Lilja

Sono Laura e vivo in Italia, dove scrivo, per vocazione e per lavoro. In questo spazio condivido quel che per me è d'ispirazione e che di giorno in giorno attingo dal mondo della fotografia, del design, della poesia e dall'opera di artisti emergenti.

I am Laura and I live in Italy, where I write, as a work and a vocation. This is the place in which I share whatever I find inspiring, enchanting and interesting in design, photography, poetry and emerging art.

Le Mie Foto

Le Mie Foto
(Flickr!)

Il mio micro negozio...

Buy my art

Follow this blog with bloglovin

Follow Hip Hip Ninà

Post precedenti

Chi mi segue

sabato 2 aprile 2011

Roberto Saviano, restituiscimi le mie parole

Le mie dieci cose per le quali vale la pena vivere.
Roberto Saviano aspetta anche la vostra lista!



  • Leggere Pasolini, Majakovskij, Sylvia Plath, Dylan Thomas e tra le righe inciampare in me stessa, nella parte migliore di me stessa.
  • Avere la mente tatuata di odori e sapori. L’odore della mia mamma, quando la abbraccio. Il pelo di Mao. Il profumo della casa di mia nonna. L’odore dei polpastrelli di Ditri. Il sapore del gelato a forma di banana che leccavo 26 anni fa, in un giardino
  • Guardare “In cerca di Eric” e dopo giorni di convinzioni cupe essere attraversata dal sentimento che finché esisteranno donne e uomini come quelli raccontati da Ken Loach varrà la pena di abitarlo, questo mondo.
  • Scrivere, leggere, fotografare.
  • Ricevere un messaggio di un amico che mi dice “Muoviti a guarire, mi manchi”.
  • Andare a un concerto di Nick Cave e Warren Ellis e assistere allo spettacolo immenso di un’anima tutta spesa su un palco.
  • Rivolgermi ai miei cani e al mio gatto e sperimentare sempre che mi capiscono. Sentire il sapore della comprensione tra specie, così simile alla comprensione tra razze, sessi, religioni…
  • Ridere con mio padre, a crepapelle, fino a diventare paonazzi.
  • Sentire Nina che di notte sguscia nel letto, sotto il piumone.
  • Roberto Benigni e il modo in cui mi fa ridere, in cui mi fa piangere, in cui al fondo del mio cuore fa sorgere e risorgere il convincimento che, dopotutto, la vita è bella.

0 commenti: